FATTOBENE

QUANDO: 9, 10, 11 SETTEMBRE 2016, INGRESSO GRATUITO

DOVE: BALLATOIO PRIMO PIANO

L’archivio degli oggetti italiani che esistono da generazioni. Un atlante del patrimonio industriale e dei piccoli gioielli del Made in Italy.

Fattobene narra la storia di oggetti a noi spesso comuni, che ci hanno accompagnato nella quotidianità della nostra vita e ne traccia le tappe storiche in un utile prontuario di design.

Non solo icone “perdute” dell’artigianato e dell’industria italiana o regionale, ma anche le incredibili storie d’altri tempi celate dietro questi incredibili prodotti.

[TS_VCSC_Lightbox_Gallery content_images=”21783,21782,21780,21779,21777″ content_images_size=”large” data_grid_order=”true” lightbox_effect=”swipe” lightbox_backlight=”hideit” el_file1=””][/TS_VCSC_Lightbox_Gallery]

Dal Tamarindo Erba, creato dal farmacista milanese Carlo Erba (il primo a sperimentare in Italia gli effetti dell’hascisc subito dopo la Seconda guerra mondiale) alla Coccoina, la colla prodotta a Voghera col suo famoso aroma di mandorla; dal Crystal Ball, il gioco prodotto negli stabilimenti di Burago di Molgora, in Brianza, diventato popolarissimo negli anni Ottanta, alle Carte da gioco Modiano, realizzate a Trieste a partire dal 1884, passando per la Carta d’Eritrea, i cannelli di zolfo e il “mandillu da gruppu” (un tessuto a scacchi utilizzato dai contadini in Liguria).

[TS_VCSC_Lightbox_Gallery content_images=”21786,21776,21775,21781,21778″ content_images_size=”large” data_grid_order=”true” lightbox_effect=”swipe” lightbox_backlight=”hideit” el_file1=””][/TS_VCSC_Lightbox_Gallery]

Attraverso un linguaggio e un’immagine pulita e colorata, Fattobene riporta l’icononicità semplice e contemporanea ad un pubblico vario e di più generazioni, fino ai professionisti e appassionati di arti applicate e design.