Future Vintage 2020 è #AllYouCanItaly

pagante-casadei-cover

l’Italia che balla e che fa festa vista da due lati opposti della dancefloor

Il folk romagnolo è la verità, così come l’hip hop a New York è la verità.

JOVANOTTI

Il mondo dell’entertainment, ancora di più in Italia, vive di stereotipi e canoni che non puoi non accettare, altrimenti vieni tagliato fuori. I nostri brani, senza troppi moralismi, fanno sarcasmo proprio su tutti questi codici di consumo.

IL PAGANTE

Da una parte l’orchestra erede del Re del Liscio, dall’altra il progetto musicale che ha conquistato il web e il panorama dance italiano. Fenomeni sociali e protagonisti dell’entertainment, ma anche ritratti antropologici degli italiani che amano interpretare il divertimento in modo diverso.

Liscio e musica dance: due diversi mondi, due diverse piste da ballo, popolate da due Italie apparentemente distanti, che parlano linguaggi diversi. Future Vintage torna con una serie di incontri che creano clash multigenerazionali ed occasioni inedite di confronto. Nessuna sfida o duello, se non l’incredibile opportunità di raccontare due Italie diverse, viste da due lati diversi della dancefloor assieme ai loro protagonisti.

L’orchestra più famosa d’Italia, erede dell’anima Romagnola e della Riviera Adriatica, è anche il simbolo della nuova generazione di musicisti folk-pop. L’anima danzante rimane uno dei punti cardine dell’energia sprigionata dall’orchestra capitanata da Mirko Casadei, figlio del Re del Liscio Raoul, ma che attraverso i più abili musicisti della scena, portano quella tradizione nel futuro, attraverso collaborazioni con artisti internazionali contemporanei. Dal rap di Frankie Hi-Nrg al jazz di Paolo Fresu, dai suoni gitani dei Gipsy King ai travolgenti ritmi balcanici di Goran Bregovic. Un’icona dell’italianità che diviene musica cosmopolita, che si trasforma ed evolve, rimanendo un punto di riferimento per l’intera scena.

orchestra-casadei

Il Pagante, più di 400k di social followers e milioni di views e ascolti, è il progetto musicale più virale del web, con 10 anni di carriera alle spalle, costituendo un fenomeno della musica dance e non solo.

Nato come una pagina Facebook per ironizzare sul mondo dei PR, dei locali milanesi popolati dai nuovi “paninari” e dei “paganti imbruttiti” che popolano le serate e gli aperitivi della “nuova” Milano da Bere, diviene negli anni un ritratto generazionale, che con irriverenza rappresenta le manie, gli stereotipi e le superficialità di Millennials e Generazione Z.

il-pagante

Stiamo vivendo un’era in cui la cura dell’immagine arriva forse prima di ogni altra cosa. Tutti (e soprattutto i millennials) curano i social network e la propria immagine in maniera ossessiva e pedissequa.

IL PAGANTE

Esplosi con le hit Entro in pass (2010), Pettinero (2014) e Faccio After pubblicato per Warner Music Italia, nel cui video compare Gué Pequeno, raggiungono la top 10 della classifica iTunes e il disco d’oro. Al dicembre del 2014, il gruppo ottiene oltre dieci milioni di visioni su YouTube con i cinque video musicali registrati.

I loro singoli sono un successo dopo l’altro. Il primo album debutta alla posizione numero 3 della classifica FIMI. Nello stesso anno interpretano la sigla del programma televisivo Riccanza per MTV, le canzoni DAM e Bomber ottengono la certificazione di platino e La Shampista viene riconosciuta disco d’oro.

La copertina di "Dress code" de Il Pagante

dress-code-il-pagante

Il secondo album in studio esce nel 2018, dal titolo Paninaro 2.0, e continuano numerosi premi, riconoscimenti, dischi d’oro e di platino che divengono record di views nei social. Destinazione Privè è il loro primo libro che esce per Mondadori, pubblicazione che diffonde il mondo de Il Pagante anche al di fuori della musica e dei social. Il loro ultimo singolo Portofino uscito quest’estate, ha quasi raggiunto i 5 milioni di views.

fvf-2020-casadei-il-pagante

Future Vintage ospiterà nello stesso palco l’Orchestra Casadei e Il Pagante in un inedito talk a partecipazione ed iscrizione gratuita, condotto da Lorenzo Bosio, direttore artistico del Pride Village. Per non perdervi questo appuntamento è necessario iscriversi, cliccando sul pulsante qui sotto.

Recent Posts